Buona Pasqua!!!

MESSAGGIO PASQUALE

gesù risorto

Cristo Signore è risorto! L’abbiamo sempre cantato (e suonato!!) ogni anno, la notte di Pasqua, a conclusione di celebrazioni suggestive e ricche di Parola di Dio! Questa volta la gioia della risurrezione di Gesù deve farsi strada a fatica fra un groviglio di sentimenti che tentano di “tirarci verso il basso”. Manca l’Eucaristia condivisa, manca la preghiera comune, manca don Pino, manca la comunità riunita. Eppure Gesù è risorto! E noi ci crediamo! Lo so che anche a voi manca tutto questo. Lo so che anche voi siete pieni di preoccupazione e di ansia per questa situazione che si sta protraendo al di là di ogni previsione. Ma non possiamo che accettare di vivere così, in questa atmosfera surreale, fiduciosi che tutto questo un giorno non sarà che un brutto ricordo. È tristezza anche per me celebrare la Messa con davanti una chiesa vuota! Ma tant’è!

Nel frattempo sappiamo, gli uni gli altri, che ci siamo. Io ci sono per voi, voi ci siete per me, voi ci siete gli uni per gli altri. Sappiamo che la nostra fede non viene meno neanche adesso. Sappiamo che la nostra comunità continua a sentirsi tale anche solo attraverso il telefono. Sappiamo che la tv ci aiuta, per quello che può, a vivere qualche momento che ha almeno un po’ il sapore della preghiera comune. Sappiamo che possiamo volerci bene anche così!

Vi ho già detto che faccio fatica a utilizzare gli strumenti della tecnologia per farvi arrivare, per esempio, dei video-messaggi. E forse qualche rara volta succederà, quando gli “esperti” riusciranno a “convincermi” a registrarli. In ogni caso io conto sempre sul fatto che almeno Papa e Arcivescovo entrano con abbondanza nelle vostre case attraverso la tv e quindi una parola autorevole e consolatoria non vi manca di certo. Per quanto mi riguarda, voi sapete che io ci sono, un po’ “prigioniero” in casa parrocchiale, che vi penso, che vi scrivo, che vi voglio bene (contraccambiato!), che continuo ad essere il vostro parroco. Conto sul fatto che, dopo oltre vent’anni che sono in Bicocca, anche se per un po’ non mi vedete fisicamente, facciate fatica a dimenticare la mia faccia!

Auguro a tutti una felice Pasqua in famiglia.

La preghiera di benedizione del pranzo di Pasqua sia un gesto che ci fa sentire uniti attorno all’unico Signore.

Risorto!

Don Giuseppe

Sabato Santo

SABATO SANTO

sabato santo
“Signore Gesù Cristo, nell’oscurità della morte Tu hai fatto luce;
nell’abisso della solitudine più profonda abita ormai per sempre la protezione potente del Tuo amore;
in mezzo al Tuo nascondimento possiamo ormai cantare l’alleluia dei salvati.
Concedici l’umile semplicità della fede, che non si lascia fuorviare quando Tu ci chiami nelle ore del buio, dell’abbandono, quando tutto sembra apparire problematico;
concedici, in questo tempo nel quale attorno a Te si combatte una lotta mortale, luce sufficiente per non perderti;
luce sufficiente perché noi possiamo darne a quanti ne hanno ancora più bisogno.
Fai brillare il mistero della Tua gioia pasquale, come aurora del mattino, nei nostri giorni;
concedici di poter essere veramente uomini pasquali in mezzo al Sabato santo della storia.
Concedici che attraverso i giorni luminosi e oscuri di questo tempo possiamo sempre con animo lieto trovarci in cammino verso la Tua gloria futura.
Amen.”
(Joseph Ratzinger-Papa Benedetto XVI)

#PasquaInsieme

La quarantena persiste: anche il giorno di Pasqua!

Siamo costretti a stare nelle nostre case, senza poter partecipare all’eucarestia, senza poter gioire insieme la resurrezione del Signore. 

In questo tempo di lontananza vogliamo condividere la gioia di questo momento con una diretta Youtube di Don Giuseppe, alla fine della quale benedirà le nostre famiglie e le nostre tavole. Appuntamento il 12 Aprile, giorno della Santa Pasqua, ore 12.15 cliccando sul link sottostante.

https://sites.google.com/view/psgbpasqua2020/home-page

buona pasqua_page-0001

Buona Pasqua a tutti!!

Pesach: “tempo della nostra liberazione”

Mettetelo in agenda: Domenica 4 Marzo subito dopo la messa delle 10.00 tutti i bambini di quarta elementare, e tutti coloro che sono curiosi di partecipare, saranno invitati con le loro famiglie a partecipare al rito della Pasqua ebraica con una cena tradizionale. 

La Pesach o Pasqua ebraica è una festività che ricorda la liberazione del popolo israelita dall’Egitto e il suo esodo versa la Terra Promessa. Questa parola viene anche detta dal popolo ebraico come “tempo della nostra liberazione”; essa infatti trae origine dalla vicenda narrata nel libro dell’Esodo: Dio annuncia al popolo di Israele, ridotto in schiavitù dagli egiziani, che presto arriverà il momento della liberazione. Tramite Mosè, Dio ordina al popolo di Israele di marcare gli stipiti delle loro porte con del sangue  di agnello, segno che “il castigo del Signore non toccherà altri che il popolo d’Egitto”.

cena pasqua ebraica

In occasione di quella Domenica Marc, un papà ebreo, e la sua famiglia ci faranno vivere i segni di questa importante festa, facendoci scoprire le tradizioni, i racconti e i cibi simbolici ad essa legata. Tra i principali ricordiamo: il pane non lievitato, in ricordo della fuga dall’Egitto e della mancanza di tempo per farlo lievitare; i 4 calici di vino, ognuno con un significato ben preciso; le erbe amare, che simboleggiano l’amarezza della vita degli ebrei in terra d’Egitto; e l’agnello, sacrificato da essi per dipingere le loro porte come protezione dall’angelo della morte.

Vivere le tradizioni di altre culture è un modo per poter comprendere meglio il significato della Pasqua, momento fondamentale della Fede del cristiano, in quanto simbolo di Credo nel gesto più importante che il Signore ha compiuto per noi: amarci da morire e sconfiggere la morte. 

Sentitevi i Benvenuti, vi aspettiamo tutti!

Blog su WordPress.com.

Su ↑